Sgravi fiscali e Bandi INAIL

– Moduli OT20 , OT24 & Bando ISI INAIL –

Cos’ è il Modulo OT20?

E’ un modello la cui compilazione avviene da parte delle aziende operanti nel primo biennio di attività nel rispetto delle norme di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro  al fine di ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell’art. 20 del D.M. 12.12.2000

 

Che tipo di riduzione del tasso medio di tariffa è previsto nel caso di compilazione del Modulo OT20?

La riduzione è stabilita nella misura fissa del 15% indipendentemente dalla tipologia o dimensione aziendale.

 

Quali sono i requisiti necessari per l’accoglimento della domanda Modulo OT20 da parte dell’INAIL?

Le aziende devono possedere due requisiti affinchè le domande vengano accolte dall’INAIL:

  • Osservare le norme di sicurezza e di igiene del lavoro come previsto dall’ art. 19 del DM 12.20.2000. In particolare devono essere barrati tutti gli adempimenti riportati nel Modulo stesso ad eccezione di quelli non obbligatori per la realtà aziendale del richiedente e per i quali è prevista la doppia casella SI/NON APPLICABILE;
  • Regolarità contributiva ed assicurativa con particolare riferimento all’art. 1, commi 1175 e 1176 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, al D.M. 24 ottobre 2007 e alle relative Circolari attuative del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dell’ INAIL.

 

Com’è strutturato il Modulo OT20 ?

Il modulo consiste di tre parti:

  1. Scheda informativa generale
  2. Domanda di riduzione
  3. Dichiarazione del richiedente

 

A chi deve essere inviato il modulo OT 20 ?

La domanda deve essere inviata all’ INAIL esclusivamente in modalità telematica utilizzando la sezione Servizi Online disponibile sul sito www.inail.it

 

L’INAIL può revocare alle imprese la riduzione riconosciuta?

In caso di irregolarità accertata nelle sedi competenti l’INAIL procede ad annullare la riduzione concessa

Gruppo Maurizi è in grado di supportarti costantemente circa gli adempimenti necessari per ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa, così come è in grado di dare consulenza alle aziende nella compilazione dei moduli in oggetto e nel preparare correttamente eventuale documentazione da inviare come documentazione probante.

 


 

Cos’ è il Modulo OT24?

 

E’ un modello la cui compilazione, da parte delle aziende che abbiano effettuato interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, oltre a quelli previsti dalla normativa vigente,  al fine di ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell’art. 24 del D.M. 12.12.2000.

 

Che tipo di riduzione del tasso medio di tariffa è previsto nel caso di compilazione del Modulo OT24?

La riduzione del tasso medio di tariffa è determinata in base al numero di lavoratori anno del periodo, calcolati per la singola voce di tariffa.

 

Come si ottiene la riduzione del tasso medio di tariffa è previsto nel caso di compilazione del Modulo OT24?

La riduzione del tasso medio di tariffa si ottiene raggiungendo un punteggio minimo e secondo modalità specifiche indicate annualmente dall’ INAIL all’interno della “Guida alla Compilazione”; i punteggi vengono attribuiti dall’INAIL alle diverse tipologie di interventi.

 

Quali sono i requisiti necessari per l’accoglimento della domanda Modulo OT24 da parte dell’INAIL?

Le aziende devono possedere tre requisiti affinchè le domande vengano accolte dall’INAIL:

  • La riduzione viene concessa solo dopo l’accertamento dei requisiti di regolarità contributiva del datore di lavoro richiedente, secondo i criteri e le modalità previste dal Decreto Interministeriale 30 Gennaio 2015 e s.m.i., in attuazione del comma 2 dell’art. 4 del Decreto Legge 34/2014
  • Devono essere osservate tutte le disposizione obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro
  • Deve essere allegata documentazione probante relativa all’intervento effettuato dall’azienda

 

Com’è strutturato il Modulo OT24?

Il modulo consiste di tre parti:

  1. Scheda informativa generale
  2. Domanda di riduzione
  3. Dichiarazione del richiedente

 

A chi deve essere inviato il modulo OT 20 ?

La domanda deve essere inviata all’ INAIL esclusivamente in modalità telematica utilizzando la sezione Servizi Online disponibile sul sito dell’Inail

 

L’INAIL può revocare alle imprese la riduzione riconosciuta?

In caso di irregolarità accertata nelle sedi competenti l’INAIL procede ad annullare la riduzione concessa

Gruppo Maurizi è in grado di supportarti costantemente circa gli adempimenti necessari per ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa, così come è in grado di dare consulenza alle aziende nella compilazione dei moduli in oggetto e nel preparare correttamente eventuale documentazione da inviare come documentazione probante.

 


 

Cos’ è il Bando ISI INAIL?

 

Il Bando ISI INAIL è una procedura che permette di finanziare le imprese per interventi relativi al miglioramento delle condizioni in sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 11, comma 5 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Inail ISI OT20 e OT24

 

Come è strutturato il Bando ISI INAIL?

Ogni anno l’INAIL definisce le risorse da stanziare alle imprese a livello nazionale; i finanziamenti vengono poi ripartiti su budget regionali.

 

Quali tipologie di Progetti sono ammessi al Bando ISI INAIL?

L’INAIL annualmente specifica i progetti oggetto del Bando i quali, quindi, possono subire delle modifiche nel corso del tempo. Di solito sono previsti:

  • Progetti di investimento (ad esempio riduzione del rischio rumore mediante le sostituzione di macchine con altre, riduzione del rischio legato ad agenti chimici pericolosi e/o agenti chimici cancerogeni o mutageni, acquisto di macchine per l’eliminazione e/o riduzione del rischio legato alla movimentazione manuale dei carichi, riduzione del rischio da vibrazioni meccaniche mediante sostituzione di macchine con altre che producono minori valori di emissione vibratoria, etc);
  • Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (ad esempio adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro, adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000, etc)
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (ad esempio rimozione di coperture in MCA, rimozione di cassoni, canne fumarie, comignoli, pareti, condutture o manufatti in genere costituiti da cemento amianto, etc)
  • Progetti per le micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (catering per eventi, mense, ristorazione con somministrazione, gelaterie e pasticcerie, bar ed esercizi simili senza cucina, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari, commercio al dettaglio di altri prodotti alimentari, etc)

 

Quali aziende possono partecipare al Bando ISI INAIL?

Al bando possono parteciparvi le imprese, ubicate in ciascun territorio regionale ed iscritte alla CCIA, ad esclusione delle micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli e delle imprese che abbiano già ottenuto il provvedimento di ammissione al finanziamento per uno degli Avvisi pubblici ISI INAIL degli ultimi tre anni.

I requisiti possono tuttavia subire delle modifiche di anno in anno in base al singolo Bando ISI INAIL.

Annualmente l’INAIL definisce il punteggio soglia di ammissibilità che le aziende devono raggiungere per poter procedere all’invio della domanda stessa.

 

Quante domande ciascuna impresa può presentare?

Ad oggi il Bando ISI INAIL prevede la possibilità di presentare per ciascuna impresa una sola domanda

 

Quali fasi prevede il Bando ISI INAIL?

Il Bando ISI INAIL consiste delle seguenti fasi (nel bando vengono indicate date ed orari di scadenza per ciascuna fase):

  • Fase di compilazione
  • Invio delle domande
  • Post invio
  • Istruttoria delle domande di finanziamento
  • Realizzazione e rendicontazione dell’intervento
  • Verifiche

 

Quale è il contributo messo a disposizione dal Bando ISI INAIL?

Negli ultimi anni (dal 2013) il contributo messo a disposizione è pari al 65% dell’investimento. Tale percentuale può subire delle modifiche di anno in anno (ad esempio nel 2012 era previsto un contributo massimo pari al 50% dell’investimento).

Di anno in anno ed in base al progetto effettuato dalle imprese l’INAIL prevede un contributo minimo ed un contributo massimo.

 

L’INAIL può revocare alle imprese il contributo riconosciuto?

Sì, l’INAIL può revocare completamente o parzialmente il contributo alle imprese nel caso in cui, in fase di verifica, si riscontrasse una incompleta o parziale realizzazione del progetto.

Gruppo Maurizi è in grado di supportare le aziende nelle varie fasi che caratterizzano il Bando ISI; dall’individuazione della tipologia di progetto più utile all’impresa e volta al raggiungimento del valore soglia di ammissibilità fino alla preparazione della documentazione probante in materia di sicurezza sul lavoro da presentare come rendicontazione del progetto. Gruppo Maurizi è in grado di dare consulenza al cliente redigendo qualsiasi valutazione di dettaglio richiesta dal Bando INAIL (ad esempio valutazioni NIOSH, valutazioni di rischio chimico, valutazioni check list OCRA), affiancando il cliente per ottenere certificazioni rilasciate da ente terzo (ad esempio OHSAS 18001) ed effettuando qualsiasi analisi necessaria attraverso il laboratorio interno accreditato ACCREDIA.

Ti serve aiuto con Moduli e Bandi?

Rispondiamo dalle dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00, dal lunedì al venerdì.

Chiamaci allo 06 7840919 , oppure scrivici a info@gruppomaurizi.it