controlli corpo forestaleSono decine di migliaia le sanzioni che ogni anno vengono irrogate agli operatori agricoli e dell’agroalimentare per irregolarità formali o di lieve entità. Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ora interviene per semplificare le norme agroalimentari in vigore applicate dai controllori.

ICQRF, Corpo forestale dello Stato, Carabinieri, Regioni, Comuni e Vigili urbani da oggi sono obbligati ad applicare la diffida.

Aumenta allo stesso tempo però anche la discrezionalità degli ispettori, chiamati a decidere se l’illecito amministrativo è di lieve entità e può quindi essere sanato. Come indica la circolare dell’Ispettorato Repressione Frodi del 2 luglio scorso con cui si illustrano gli aspetti operativi di alcune delle più significative misure recate dal Decreto l”Campolibero, previsti 20 giorni per mettersi in regola.

Obiettivo è dare alle imprese la possibilità essere competitive e mettere in condizione i produttori e agricoltori di lavorare con efficienza e serenità.

Vuoi saperne di più?

Chiamaci allo 06 7840919

E’ prevista dunque l’estensione della diffida per tutte le violazioni alla normativa agroalimentare che prevedono la sola sanzione pecuniaria, purché le predette violazioni siano di lieve entità e sanabili. In tali casi l’organo di controllo diffida il soggetto interessato ad adempiere alle prescrizioni violate entro un termine di 20 giorni dalla data di ricezione dell’atto di diffida e ad elidere le conseguenze dannose o pericolose dell’illecito amministrativo.

Anche i controlli vengono semplificati: alle imprese agricole controllate deve essere sempre notificato il verbale dell’ispezione amministrativa svolta, anche nei casi di accertata regolarità o di avvenuta regolarizzazione a seguito di diffida.

Dal ricevimento della contestazione è possibile pagare una sanzione ridotta entro 5 giorni, con una riduzione del 30 per cento, in analogia con quanto oggi già avviene per le violazioni del Codice della Strada.

Una serie di semplificazioni poi riguardano l’attività vitivinicola (articolo 2 di Campolibero) tra cui l’eliminazione di divieti per la detenzione in cantina di sostanze non enologiche, l’eliminazione di adempimenti burocratici per produrre mosti o bevande spiritose o per i centri di raccolta delle uve.