Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

Sicurezza Ambientale

L’Autorizzazione Integrata Ambientale è un provvedimento amministrativo che ha lo scopo di assicurare un elevato livello di protezione dell’ambiente nel suo complesso e a tal fine prevede misure per evitare, ove possibile, o ridurre le emissioni nell’aria, nell’acqua e nel suolo. 

Gruppo Maurizi, con la sua esperienza lunga più di cinquant’anni nel settore della Sicurezza ambientale, offre servizi di consulenza relativi all’ottenimento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. I nostri tecnici professionisti, correntemente al passo con la normativa vigente, guideranno passo passo la tua azienda fino all’ottenimento dell’AIA secondo i criteri previsti dalla legge. 

Cosa è l’Autorizzazione Integrata Ambientale?

L’ AIA viene definita dal legislatore come il provvedimento che autorizza l’esercizio di una certa installazione, o di parte di essa, a determinate condizioni che devono garantire che essa sia conforme a quanto indicato nell’allegato IX come definito all’art. 29 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. 

Gli impianti che presentano un elevato grado di inquinamento sono soggetti, quindi, ad autorizzazione pubblica che racchiude in un unico provvedimento l’autorizzazione al rilascio di inquinanti. 

Stando a quanto riportato dal Ministero della Salute, l’AIA costituisce una procedura tecnico-amministrativa che prevede: 

  1. la valutazione e la gestione degli impatti ambientali derivanti dall’esercizio dell’installazione sul suolo, sulle acque superficiali, sulle acque sotterranee, sull’atmosfera, sulla salute umana, ivi compresi quelli derivanti dalla gestione dei rifiuti, dall’uso dell’energia e da possibili eventi incidentali; 
  2. il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse (stakeholders) pubblici/privati, compresi i cittadini; 
  3. l’applicazione delle Best Available Techniques (BAT), secondo quanto riportato nei documenti pubblicati dalla Commissione Europea per i diversi settori industriali; 
  4. un piano di monitoraggio e controllo ambientale sito specifico, finalizzato ad individuare tempestivamente possibili modifiche dello stato ambientale di riferimento e relative criticità per la tutela della salute pubblica. 

Qual è l’obiettivo di questo servizio di Gruppo Maurizi?

Gruppo Maurizi offre un servizio di supporto e consulenza volto all’ottenimento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale per tutte le attività soggette alla normativa vigente. 

Per approfondire i servizi in materia di Sicurezza ambientale offerti da Gruppo Maurizi, clicca qui. 

Come funziona la consulenza di Gruppo Maurizi per la domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale?

La consulenza di Gruppo Maurizi è articolata in fasi diverse, per garantire un processo efficace, snello e fluido, che non vada ad interferire con le normali attività dell’azienda. A livello generale, la consulenza, dopo un primo contatto, si articola in: 

Raccolta dei dati e delle informazioni e visite presso l’impianto; 

Allestimento dell’istanza presso l’Ente Preposto (Regione); 

Supporto nell’elaborazione della documentazione da allegare all’istanza, completa delle BAT di riferimento come la redazione delle relazioni tecniche e nella redazione del piano di monitoraggio e controllo e il supporto nella redazione delle planimetrie; 

Redazione di una check list che ricapitola gli argomenti visti e le eventuali azioni da intraprendere; 

Supporto per eventuali azioni da intraprendere a seguito delle richieste dell’Ente preposto. 

Come ottenere un’Autorizzazione Integrata Ambientale?

L’autorizzazione è rilasciata a seguito della presentazione dell’istanza corredata di tutte le informazioni di cui sopra. 

In particolare, la domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale deve recare: 

  • Scheda A – Informazioni generali; 
  • Scheda B – dati e notizie sull’impianto attuale e relativi allegati (da B1 a B17); 
  • Scheda C – Dati e notizie sull’impianto da autorizzare e relativi allegati (da C1 a C5); 
  • Scheda D – Individuazione della proposta impiantistica ed effetti ambientali e relativi allegati (schede da D1 a D4); 
  • Scheda E – Modalità di gestione degli aspetti ambientali e piano di monitoraggio.

Quale è l’obiettivo dell’AIA?

L’obiettivo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale è quello di esaminare in modo unitario tutti gli impatti generati da determinate categorie di installazioni al fine di ridurre l’inquinamento. 

In altre parole, l’obiettivo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è di semplificare il regime autorizzatorio vigente per determinate attività potenzialmente lesive di diversi fattori ambientali.  

Invece di richiedere distinte autorizzazioni, l’interessato deve ottenere un’unica autorizzazione, che consideri unitariamente i diversi profili, con un risparmio in termini burocratici. L’AIA si propone, inoltre, di evitare, ove possibile, o di ridurre le emissioni nell’aria, nell’acqua e nel suolo, comprese le misure relative ai rifiuti, per conseguire un livello elevato di protezione dell’ambiente, fatte salve le disposizioni sulla valutazione d’impatto ambientale. 

Chi autorizza l’autorizzazione integrata ambientale?

Tutte le installazioni che intendono operare secondo il regime AIA devono presentare istanza alla Regione di appartenenza. L’istanza deve essere corredata dalle seguenti informazioni: 

  1. Descrizione dell’attività; 
  2. Descrizione delle materie, delle sostanze, dell’energia e in generale delle risorse utilizzate o create; 
  3. Descrizione delle fonti di emissione; 
  4. Descrizione del sito; 
  5. Descrizione del tipo di entità di emissione e il loro impatto sull’ambiente; 
  6. Descrizione delle tecniche di prevenzione per ridurre le emissioni; 
  7. Descrizione delle tecniche di riduzione e trattamento dei rifiuti; 
  8. Descrizione delle misure di controllo e di autocontrollo; 
  9. Descrizione delle BAT e delle tecnologie alternative; 
  10. Descrizione delle misure per ottemperare all’art. 6 c.16; 
  11. Relazione di riferimento in materia di sostanze pericolose

Quali sono le attività soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale?

Le attività soggette a questa autorizzazione sono: 

  • attività settore energetico 
  • produzione dei metalli 
  • trasformazione dei metalli 
  • industria mineraria 
  • industria chimica 
  • trattamento dei rifiuti 
  • produzione di carta 
  • industrie del tessile 
  • allevamenti intensivi pollame 
  • allevamenti intensivi suini   

Qual è la durata dell'Autorizzazione Integrata Ambientale?

Questa autorizzazione ha durata differente a seconda dei seguenti casi:               

  1. 16 anni se il sito è registrato conformemente al regolamento (CE) n.1221/2008 – EMAS; 
  2. 12 anni se il sito è certificato come da norma UNI EN ISO 14001; 
  3. 10 anni in tutti gli altri casi. 

Chiamaci subito al numero +39 06 7840919

o al numero +39 02 99749401

Per richiedere una consulenza

Richiedi una consulenza

logo marghio registrato bianco 1