+39 06 7840919 +39 348 6165876 info@gruppomaurizi.it

Buttare meno cibo conviene!

Tassa rifiuti ridotta e 140% di credito di imposta se togli l'imballaggio

Sconti sulla tassa rifiuti per chi dona sono previsti dal Disegno di legge che oggi 4 Maggio è all’esame della Commissione Agricoltura del Senato.

Ad imprese, ristoranti o supermercati che vogliano donare eccedenze alimentari basterà una dichiarazione consuntiva a fine mese.

donare ciboOssia si dona e poi si fa il riepilogo, garantendo la tracciabilità di ciò che è stato dato attraverso un documento di trasporto e scontrini, dai quali si potrà scaricare l’Iva.

Le attività commerciali e produttive che aderiranno al progetto saranno dunque incentivate da uno sconto sulla tassa dei rifiuti proporzionale a quanto cibo è stato donato.

La nuova legge contro gli sprechi alimentari approvata alla Camera a Marzo “Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi”, punta sugli incentivi alla grande distribuzione, tramite un credito di imposta del 20 % del valore dei prodotti donati, e prevede anche delle sanzioni.

Cosa si intende per eccedenze alimentari?

 Vengono considerate eccedenze alimentari:

  • I prodotti alimentari che rimangono invenduti per carenza di domanda,
  • I prodotti ritirati dalla vendita perché non conformi ai requisiti aziendali di vendita,
  • Le rimanenze di attività promozionali,
  • I prodotti prossimi alla scadenza,
  • I prodotti non idonei alla commercializzazione per alterazioni dell’imballaggio secondario che non ne inficiano la conservazione.

Tra questi, sono inclusi anche il pane e i composti di farina che rimangono invenduti per 24 ore.

sprechi-alimentari

Il cibo è commestibile anche oltre la data riportata in etichetta

Attenzione a non confondere data di scadenza e termine minimo di conservazione.

La nuova normativa fa una distinzione tra gli alimenti che riportano una reale scadenza e quelli che invece riportano la dicitura «da consumarsi preferibilmente entro», ma che sono consumabili anche oltre la data indicata.

Si intende chiarire ai consumatori il limite di utilizzo degli alimenti, specificando che il termine minimo di conservazione (indicato sulle confezioni come «da consumarsi preferibilmente entro») non è la stessa cosa della scadenza: anche superata la data indicata il prodotto resta commestibile.

 

Elimina l’imballaggio ed usufruisci di un credito di imposta

 Altro incentivo previsto dalla normativa per la riduzione dei rifiuti riguarda la riduzione degli imballaggi, per cui viene proposto un credito di imposta del 140 per cento per i negozi che si dotano di sistemi di vendita senza imballaggio.

 

Lotta agli sprechi in agenda a Cibus 2016 in programma dal 9 Maggio a Parma

 Di lotta allo spreco, oltre che di sicurezza alimentare ed eco sostenibilità, si parlerà a Cibus 2016 la manifestazione annuale del settore agroalimentare in programma a Parma dal 9 al 12 Maggio

By | 2018-03-19T14:56:59+00:00 04 maggio 2016|

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi