+39 06 7840919 +39 348 6165876 info@gruppomaurizi.it

Indicazioni sulla salute in etichetta: respinte diverse richieste di autorizzazione

A ottobre la Commissione Europea ha respinto diverse richieste di autorizzazione di indicazioni sulla salute in etichetta

Indicazioni sulla salute - prugneCon il Reg. UE 1886/2015 dello scorso 20 ottobre viene rifiutata la richiesta di autorizzazione ad indicare nell’etichetta di prodotti alimentari la dicitura “la lattasi per favorire la digestione” nel caso di presenza di Beta-galattosidasi prodotta da Streptococcus thermophilus e in riferimento allo sviluppo e alla salute dei bambini.

Viene rifiutata, nello stesso regolamento, la dicitura “le prugne secche/le prugne possono contribuire alle normali funzioni intestali”, sempre in riferimento allo sviluppo e alla salute dei bambini.

Queste due richieste di autorizzazioni rifiutate sono frutto della valutazione della correttezza e veridicità dell’indicazione stessa da parte dell’EFSA.

La valutazione viene effettuata in base alla procedura prevista all’art. 18 del Reg. UE 1924/06 e s.m.i. ed è naturalmente parte integrante di tutto l’inter autorizzativo.

La situazione dei claim salutistici negli ultimi anni è completamente cambiata

Le aziende non sono più libere di riportare qualsiasi indicazione che faccia riferimento ai benefici sulla salute ottenuti dal consumo di un alimento particolare. Sulle etichette alimentari e in ogni fase della presentazione dell’alimento (sito internet, brochure, stand espositivi, ecc), le aziende possono utilizzare soltanto le indicazioni autorizzate dalla Commissione Europea in base alla procedura sopra citata e elencate nell’allegato del Reg.UE 432/2012, rispettando la esatta indicazione autorizzata.

Questo cambio di passo nella normativa, già ritenuto fondamentale e necessario nel 2006 con la pubblicazione del Reg.CE 1924, si basa sulla necessità di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori.

Proprio per questo motivo, con la pubblicazione del Reg.UE 432/12, viene meno la libera scelta di parole e diciture del produttore, stabilendo l’esatta dicitura che può essere utilizzata (elencata sempre nell’allegato).

Naturalmente lo scopo e l’obiettivo che si sono posti questi regolamenti rientrano esattamente nel quadro generale prescritto dal Reg.UE 1169/11 sulle informazioni ai consumatori: il consumatore deve avere gli strumenti giusti per poter effettuare una scelta consapevole prima dell’acquisto di un prodotto e non deve essere, in nessun caso, tratto in inganno.

[tagline_box backgroundcolor="" shadow="no" shadowopacity="0.1" border="1px" bordercolor="" highlightposition="top" content_alignment="left" link="https://gruppomaurizi.it/corso-etichettatura-alimentare/" linktarget="_self" modal="" button_size="small" button_shape="round" button_type="flat" buttoncolor="" button="Partecipa al corso" title="Vuoi saperne di più?" description="" margin_top="" margin_bottom="0px" animation_type="fade" animation_direction="down" animation_speed="0.1" class="" id=""][/tagline_box]
By | 2018-03-19T14:57:11+00:00 09 novembre 2015|

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi