+39 06 7840919 +39 348 6165876 info@gruppomaurizi.it

Infortunio sul lavoro: si passa al Cruscotto

Addio al registro infortuni: via libera dell’Inail alla realizzazione del cruscotto infortuni

Cambia la categorizzazione dell’infortunio sul lavoro, quali sono le conseguenze per datori di lavoro e organi di vigilanza?

Con il nuovo cruscotto infortuni sarà possibile consultare gli eventi occorsi e denunciati dal 23 Dicembre 2015, data da cui è diventata effettiva l’abolizione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni.

La decisione è stata resa nota dall’Inail con la circolare 92/2015, emanata il giorno stesso in cui è stato definitivamente archiviato il registro infortuni, soppresso dall’articolo 21, comma 4, del Dlgs 151/2015 a partire dal novantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto stesso, il 24 settembre scorso.infortunio-sul-lavoro

L’abolizione della tenuta del registro infortuni – un documento riepilogativo finalizzato a fornire dati sull’andamento del fenomeno infortunistico all’interno delle imprese. per valutare la frequenza, la gravità e le cause degli infortuni nell’azienda, e a fornire una guida per indirizzare l’attività di vigilanza – se non ha fatto (logicamente) venir meno l’obbligo del datore di lavoro di denunciare all’Inail gli infortuni occorsi ai dipendenti che siano prognosticati non guaribili entro tre giorni (indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l’indennizzabilità) ha complicato, tuttavia, l’attività di controllo del personale ispettivo, per agevolare la quale l’Istituto ha provveduto a realizzare il nuovo cruscotto.

Restando inteso, invece, che per ciascun infortunio sul lavoro avvenuto in data precedente a quella del 23 dicembre 2015 resterà consultabile il registro abolito dal Dlgs 151/2015.

Il cruscotto infortuni sarà accessibile agli organi di vigilanza nell’area dei servizi online del sito Inail e utilizzerà il criterio della competenza territoriale regionale come parametro fondamentale per la ricerca dei dati infortunistici.

Su queste basi sarà possibile consultare il cruscotto per singolo soggetto infortunato e infortunio sul lavoro, tramite l’inserimento del relativo codice fiscale, o per tipologia di singolo settore: nel primo caso l’utente riceverà un report con l’indicazione di tutti i casi di infortunio relativi al lavoratore, nel secondo verrà elaborato un report che riporterà in ogni pagina gli eventi infortunistici e le relative conseguenze per ogni singolo anno.

Si evidenzia, infine, che il cruscotto è destinato almeno per il momento a colmare solo parzialmente il vuoto lasciato dal venir meno del registro infortuni: quest’ultimo, infatti, nella formulazione corretta dal decreto del ministero del Lavoro 5 dicembre 1996, raccoglieva cronologicamente ogni infortunio sul lavoro che comportava l’assenza di almeno un giorno, escluso quello dell’evento, e fotografava a fini di prevenzione cause e circostanze dell’evento.

La circolare si riferisce invece, ora come ora, solo agli infortuni “occorsi” e denunciati dal datore di lavoro all’Inail, che per legge devono comportare l’assenza dal lavoro per almeno tre giorni. Il dato oggettivo posto in consultazione, dunque, non è immediatamente corrispondente a quello oggetto dell’originario registro.

By | 2018-03-19T14:57:08+00:00 11 gennaio 2016|

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi