Inquinamento indoor, le insidie dentro casa:

Se aprire le finestre può fare entrare aria inquinata, chiuderci dentro casa può essere altrettanto sconsigliato.

Vaporizzatori, spray, diffusori elettrici, bastoncini d’incenso e candele profumate emettono sostanze pericolose per la salute dell’uomo, addirittura cancerogene, anche se non immediatamente percepibili. E le insidie della casa si moltiplicano se in una stanza si sommano altri fattori inquinanti, come fumo e vernici o adesivi, collanti, prodotti per la pulizia e tappezzerie. Ai contaminanti che arrivano con l’aria esterna si aggiungono quelli prodotti negli stessi ambienti confinati.

Un elenco completo delle sostanze inquinanti presenti negli ambienti chiusi lo hanno fatto i ricercatori dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico (Iia) del Cnr nella recente pubblicazione “Fattori di inquinamento indoor ed ambientale. I composti volatili organici (VOCs)” a cura di Carla Iacobelli, Gabriella Liberati, Antonello Ottaviani e Lucia Paciucci. Un elenco corredato da schede per ogni prodotto contenente le caratteristiche più significative delle sostanze.

inquinamento-indoor

Un esempio di sostanze di ampia diffusione negli appartamenti è la formaldeide, utilizzata per la realizzazione di prodotti edili, di arredamento e in numerosi altri oggetti di uso domestico. E’ un gas incolore con un odore pungente, è presente in colle e adesivi e se ne può riscontrare l’emissione in prodotti quali truciolati, nobilitati, compensati (usati per la costruzione di armadi, cucine, tavoli, mensole, ecc).

Vuoi saperne di più?

Chiamaci allo 06 7840919

Così possono essere tossici i deodoranti per l’aria, come gli spray che si attaccano alle prese o che si usano nelle auto.

I solventi che evaporano facilmente presenti in pennarelli o cosmetici (smalti per le unghie o acetone) possono contenere anche alcune centinaia di elementi chimici diversi, mentre sono circa 4.000 quelli utilizzati per realizzare profumi e dopobarba.

Sostanze che pur non essendo fonte di inquinamento ambientale, secondo i ricercatori dell’Iia-Cnr, possono costituire un rischio se non usati opportunamente, poiché alcune sostanze possono essere assorbite per via cutanea. Anche gli insetticidi e i prodotti antitarme che eliminano o allontanano gli insetti e i parassiti dalla casa, possono essere tossici se non usati adeguatamente.

Così pure tappezzerie, drappi, vestiti, coperte e piumoni trattati a secco nelle lavanderie possono nascondere pericoli per la salute.