Ancora devono entrare in vigore le nuove norme dell’Unione europea sulle caratteristiche degli oli di oliva contro le sofisticazioni e già i consumatori sono messi in guardia sul pericolo di imbattersi in olio deodorato e di cattiva qualità spacciato per extravergine di oliva.

Diversi articoli mettono in allerta i consumatori sulla possibilità di trovare in vendita olio deodorato, extra vergine di oliva “taroccato” con il consenso della legge recentemente emanata dall’Ue. Così il settimanale il Salvagente che critica i limiti troppo alti della legge sebbene la consideri un passo importante per combattere le frodi e quindi per tutelare i consumatori.

Anche ne Il Corriere della sera Margherita De Bac si scaglia contro Bruxelles che attraverso un nuovo regolamento “ha autorizzato un tipo di lavorazione che permette di innalzare i limiti massimi di achil esteri” facendo da megafono alle preoccupazioni di associazioni come Slow food e Confederazione italiana agricoltori.

Vuoi saperne di più?

Chiamaci allo 06 7840919

Va però precisato innanzitutto che non è corretto dire che la deodorazione consente di mettere sul mercato oli ‘non commestibili’ che comporterebbero un danno alla salute. Inoltre se in effetti un un trattamento blando di deodorazione potrebbe consentire ad oli altrimenti fuori legge sopratutto per il PANEL TEST di rientrare nel limite ora imposto di 75 mg/kg di alchil esteri, prima non vi era limite né modo analitico, salvo l’esame organolettico, per scoprire detta frode.

“Ci tengo a rassicurare il consumatore – afferma Fernando Maurizi, segretario del Consiglio nazionale dei chimici – che se è vero che l’olio per essere classificato extravergine di oliva non può essere sottoposto a nessun trattamento sia esso fisico,chimico-fisico o chimico questo trattamento di deodorazione blanda non è invasivo e non comporta per il consumatore danno alimentare ma danno da frode per acquisto  di prodotto di qualità inferiore migliorato organoletticamente con trattamento fisico”.

Come scoprire le adulterazioni dell’olio d’oliva?