Da 50 anni forniamo consulenza tecnica specializzata alle aziende

La nuova nutrition facts obbligatoria da Gennaio 2020

By 21 Ottobre 2019Luglio 19th, 2022Sicurezza Alimentare5 min read
ETICHETTE USA SITO

In generale, l’etichettatura dei valori nutrizionali è progettata per fornire informazioni che possono aiutare i consumatori a fare scelte consapevoli sugli alimenti che acquistano e consumano: è un diritto dei consumatori decidere cosa è appropriato per loro in base alle esigenze e alle preferenze delle loro famiglie.

L’attuale etichettatura americana ha più di 20 anni.

Per assicurarsi che i consumatori abbiano accesso a informazioni nutrizionali più recenti e accurate sugli alimenti che solitamente assumono, la Food and Drug Administration (FDA) ha apportato modifiche alla normativa basandosi su informazioni scientifiche aggiornate, nuove ricerche in materia di nutrizione e salute pubblica, raccomandazioni dietetiche più recenti da parte di gruppi di esperti e di organismi pubblici.

La normativa è il risultato di un significativo coinvolgimento degli stakeholder:

la FDA ha ricevuto quasi 300.000 commenti, condotto numerosi studi sui consumatori e reso pubblici tali studi e, alla luce delle nuove raccomandazioni scientifiche (in particolare per gli zuccheri aggiunti), ha emanato la nuova regolamentazione, coerente con i dati attuali sulle correlazioni tra nutrienti e malattie croniche, condizioni relative alla salute, stati fisiologici e/o mantenimento di un modello dietetico sano che rifletta le attuali condizioni di salute pubblica negli Stati Uniti e corrisponde a nuove informazioni su comprensione del consumatore e modelli di consumo.

 

ETICHETTE USA nuova nutrition facts

 

Così, la FDA ha pubblicato le regole sulla nuova etichettatura dei valori nutrizionali per gli alimenti confezionati (incluse le bevande) e per gli integratori alimentari con lo scopo di migliorare il modo in cui le informazioni nutrizionali sono presentate ai consumatori, di trasmettere nuove informazioni scientifiche, incluso il legame tra dieta e malattie croniche come l’obesità e le malattie cardiache.

Le nuove etichette renderanno più facile la scelta dei consumi alimentari agli acquirenti più informati, così da aiutarli a mantenere pratiche dietetiche sane.

Nel maggio 2016, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha messo a punto la normativa per l’etichettatura dei dati nutrizionali e tale legge è entrata in vigore il 26 luglio 2016 e sarebbe dovuta essere applicativa dal 26 luglio 2018 per i produttori con almeno 10 milioni di dollari nelle vendite annuali di alimenti e dal 26 luglio 2019 per i produttori con meno di $ 10 milioni in vendite alimentari annue.

Dopo la messa a punto di tali norme, l’industria ed i gruppi di consumatori hanno fornito alla FDA un feedback sulle date di applicazione.

Di conseguenza, la FDA ha esteso le date di applicazione della nuova normativa sull’etichettatura nutrizionale.

  • non più il 26 luglio 2018 ma il 1° gennaio 2020, per i produttori con un fatturato annuo di $ 10 milioni o più;
  • i produttori con meno di $ 10 milioni nelle vendite annuali di alimenti hanno un anno in più per conformarsi – fino al 1° gennaio 2021;
  • i produttori della maggior parte degli zuccheri a ingrediente singolo come miele e sciroppo d’acero e alcuni prodotti di mirtilli hanno tempo fino al 1° luglio 2021 per i cambiamenti;
  • i produttori di alcuni mirtilli secchi aromatizzati hanno tempo fino al 1° luglio 2020 per apportare le modifiche.

Molti produttori, pur avendo più tempo per apportare le modifiche, stanno già utilizzando il nuovo format nutrizionale e così la nuova tabella nutrizionale appare già sulle confezioni, anche prima della data fissata per essere utilizzata.

Dato che anche gli alimenti importati negli Stati Uniti dovranno soddisfare i nuovi requisiti, abbiamo ritenuto opportuno riferire ai produttori italiani, coperti dalla norma in quanto esportatori, che anche se l’aspetto grafico della tabella nutrizionale rimane invariato, le modifiche riguardano:

  • Cambiamento delle serving sizes: per legge, le porzioni devono essere basate sulla quantità di cibi e bevande che le persone effettivamente consumano, non su ciò che dovrebbero mangiare o bere. I consumatori sono cambiati da quando sono stati pubblicati i precedenti requisiti sulla dimensione della porzione (serving size) nel 1993 e perciò sono state aggiornate le dimensioni e determinati formati. Ad esempio, l’importo di riferimento utilizzato per impostare una porzione di gelato era precedentemente 1/2 tazza, ma sta cambiando a 2/3 tazze. La dimensione del pacchetto influenza ciò che le persone mangiano
  • Revisione del formato: «Calories» è ora più evidente grazie all’aumento della dimensione del carattere e si riporta in grassetto il numero di calorie e della dichiarazione “Serving size” per evidenziare queste informazioni.
  • Aggiornamento dell’elenco dei nutrienti obbligatori: è richiesta la dichiarazione della quantità di grammi di “zuccheri aggiunti” («added sugars») in una porzione di un prodotto con la dicitura “Include X g zuccheri aggiunti” direttamente sotto l’elenco di “zuccheri totali”. La definizione di zuccheri aggiunti comprende gli zuccheri che o vengono aggiunti durante la lavorazione degli alimenti o che vengono confezionati in quanto tali

L’elenco aggiornato dei nutrienti obbligatori prevede la vitamina D ed il potassio a sostituzione delle vitamine A e C, che non saranno più obbligatorie ma possono essere incluse su base volontariaIl calcio ed il ferro continueranno ad essere obbligatori.

Pur continuando ad essere presenti “Grasso totale”, “Acidi grassi saturi” e “Acidi grassi trans ” sull’etichetta, “Calorie da grasso” («calories from fat») viene rimosso perché la ricerca mostra che il tipo di grasso è più incidente nell’aumento di rischio di malattie croniche rispetto alla quantità di grasso assunto.

  • Modifica della footnote: la nota a piè di tabella cambia per spiegare meglio cosa significa percentuale del valore giornaliero. Si leggerà: “* Il valore giornaliero % indica quanto un nutriente in una porzione di cibo contribuisce alla dieta quotidiana. 2.000 calorie al giorno vengono utilizzate per consigli nutrizionali generali” (“*The % Daily Value (DV) tells you how much a nutrient in a serving of food contributes to a daily diet. 2,000 calories a day is used for general nutrition advice”). Così, è stato rimosso il requisito per la tabella delle note a piè di pagina che elenca i valori di riferimento per alcuni nutrienti per diete da 2.000 e 2.500 calorie;
  • Variazione di alcuni valori di riferimento utilizzati nella dichiarazione della percentuale Daily Value (DV) di nutrienti sulle etichette nutrizionali: i valori giornalieri dei nutrienti vengono aggiornati sulla base di nuove prove scientifiche dell’Istituto di medicina e di altre fonti come il rapporto del comitato consultivo sulle linee guida dietetiche 2015, che è stato coinvolto nello sviluppo delle linee guida dietetiche 2015-2020 per americani.

 

Leave a Reply

Richiedi una consulenza
icona-preventivo

Thank you for your upload