+39 06 7840919 +39 348 6165876 info@gruppomaurizi.it

Origine degli alimenti in etichetta

Una vicenda durata anni e ancora in via di sviluppo.

La questione legata all’ origine degli alimenti è un argomento che sta a cuore a molti ed in particolar modo trova terreno fertile laddove il consumatore medio sia portato a credere che i prodotti agroalimentari originari del proprio Paese siano i migliori in circolazione, pretendendo quindi di veder indicata chiaramente l’origine dell’alimento in etichetta per poter compiere delle scelte consapevoli.

Al di la della legittimità o meno di questa pretesa, l’indicazione di origine obbligatoria in linea di principio viene avversata dall’Unione Europea e, quando è stata introdotta, lo si è fatto per cercare di arginare pericoli sanitari (l’epidemia di “mucca pazza” per la quale è diventata obbligatoria l’indicazione di origine delle carni bovine, con il Reg. C.E. 1760/00) o in caso di variazioni accertate nella qualità del prodotto in base alla provenienza (Direttiva CE 110/2001 sulla commercializzazione del miele).

La situazione attuale

Attualmente il riferimento normativo di più ampio respiro, nel quale venga affrontato il tema dell’origine, è il Reg .U.E. 1169/11 il quale, all’Art. 26 paragrafo 2 così recita:

“L’indicazione del paese d’origine o del luogo di provenienza è obbligatoria nel caso in cui l’omissione di tale indicazione possa indurre in errore il consumatore in merito al paese d’origine o al luogo di provenienza reali dell’alimento, in particolare se le informazioni che accompagnano l’alimento o contenute nell’etichetta nel loro insieme potrebbero altrimenti far pensare che l’alimento abbia un differente paese d’origine o luogo di provenienza”.

origine degli alimenti mappa paesi

Il Reg. U.E. 1169/11 ha portato luci e ombre nel campo dell’etichettatura e in particolare nel campo dell’indicazione di origine, molte sono le incertezze.

Ad esempio, il medesimo Art. 26, nel successivo paragrafo 3 recita: “quando il paese d’origine o il luogo di provenienza di un alimento è indicato e non è lo stesso di quello del suo ingrediente primario:

a) è indicato anche il paese d’origine o il luogo di provenienza di tale ingrediente primario; oppure

b) il paese d’origine o il luogo di provenienza dell’ingrediente primario è indicato come diverso da quello dell’alimento.”

Se all’apparenza tale paragrafo sembrerebbe aggiungere un ulteriore grado di approfondimento e chiarezza  alla questione, così non è, per il fatto che il paragrafo a tutt’oggi non è ancora applicabile (siamo in attesa di atti di esecuzione che la Commissione avrebbe dovuto pubblicare entro il 13 Dicembre 2013).

A complicare ulteriormente la faccenda, contribuisce anche la definizione che, sempre il Reg. U.E. 1169/11 dà di luogo di provenienza: “qualunque luogo indicato come quello da cui proviene l’alimento, ma che non è il “paese d’origine” come individuato ai sensi degli articoli da 23 a 26 del Reg. CEE n. 2913/92; il nome, la ragione sociale o l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare apposto sull’etichetta non costituisce un’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza del prodotto alimentare ai sensi del presente regolamento” e che rimanda ad un ulteriore Regolamento, non facilitando di certo il compito di chi voglia chiarirsi le idee.

Per completare il quadro quindi è impossibile non citare la definizione di paese di origine:

“Sono originarie di un paese le merci interamente ottenute in tale paese”; e ancora:

Una merce alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi è originaria del paese in cui è avvenuta l’ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata in un’impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione”.

Occorre ribadire come non siano mai sufficienti a conferire il carattere originario operazioni molto semplici quali: cambiamenti di imballaggio, la cernita, la riduzione in pezzi, il condizionamento e l’apposizione di marchi.

Attualmente dunque, l’obbligo di indicazione di origine è ancora dovuto solamente per quelle categorie di alimenti per i quali sia stata emanata normativa specifica (come già visto miele e carni bovine, ma anche olio di oliva, carni ovine caprine, suine e di pollame, pesce, uova).

Per tutti gli altri alimenti, nell’attesa di ulteriori specifiche da parte della Commissione Europea, è legittimo mantenersi in una situazione di attesa.

Rimane inteso che in particolari casi, l’indicazione dell’origine sia comunque da applicarsi. Ad esempio, volendo commercializzare un alimento che il consumatore identifica con un Paese e per il quale vengono fatti riferimenti in etichetta espliciti a quel Paese (fois gras in confezioni riportanti la bandiera francese o la silhouette della Francia ma realizzato in Italia), allora in quel caso l’indicazione di origine  diventerà obbligatoria perché le informazioni che accompagnano l’alimento o contenute nell’etichetta nel loro insieme possono far pensare che l’alimento abbia un differente paese d’origine o luogo di provenienza” (cfr.Art. 26 Reg. U.E. 1169/11 sopra citato).

Origine degli alimenti in etichetta : Scenari futuri 

Dobbiamo segnalare che, in data 22 febbraio 2016, la Commissione Europea ha proposto una bozza di atti di esecuzione per quanto riguarda il sopra citato Art. 26 paragrafo 3, dalla quale è stato possibile estrapolare alcuni contenuti.

Sembra che, in caso di materia prima di diversa origine rispetto al Paese di produzione, questa dovrà essere indicata con caratteri analoghi usando una delle due diciture:

[prodotto in…] con materia prima di origine/provenienza di …”

“[prodotto in…] con materia prima di origine/provenienza diversa”

Altra novità riguarda la “qualificazione” dell’origine geografica che dovrà essere del medesimo “livello” (Regione o Paese) per l’indicazione di produzione e di origine di materia prima.

Sembra purtroppo che le specifiche di origine legate a particolari ricette tradizionali (ad esempio il ragù alla bolognese) non saranno comprese nell’ambito di applicazione, cosa che non contribuirà a ridurre il fenomeno del cosiddetto “Italian sounding”.

 

Sommario
Origine degli alimenti in etichetta
Nome articolo
Origine degli alimenti in etichetta
Descrizione
L'origine degli alimenti: una vicenda durata anni e ancora in via di sviluppo. Qual'è la situazione attuale e quali sono gli scenari futuri?
Autore
By | 2018-03-19T14:56:57+00:00 23 maggio 2016|

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi